Motore a Scoppio

Il motore a scoppio è la macchina endo termica, dove esso può permettere l’energia chimica con una mescolanza dell’aria combustione. Il lavoro meccanico e stato reso possibile dall’albero del motore, in genera con il sistema di trasmissione. Questo processo avviene nella camera di combustione, dove il combustibile cq5dam-web-650-600fossile genera una alta pressione e l’aumento del volume che spingono il pistone dalla forma del cilindro, va verso in basso, cosi si muove l’albero del motore. La combustione può essere la benzina che deriva dal petrolio, mentre l’ossigeno può far bruciare il combustione all’interno del motore. La tecnica del motore è stato inventato nel 1853 da due italiani che sono Eugenio Barsanti e Felice Matteucci, i primi prototipi, mancava il pezzo della compressione. Cioè la parte dell’aspirazione che terminava precocemente con la chiusura della valvola di aspirazione prima del pistone in metà corsa. Le prime applicazioni pratiche dei motori a scoppio, sono stati come quelli marini fuoribordo. Nonostante a ciò, il motore a scoppio è uno dei principali motivi in cui c’è l’inquinamento nell’aria, cioè, se non ci fossero i polveri sottili creati dai motori delle macchine, l’aria sarebbe più pulita.

Precedente Motore a vapore Successivo Motore Diesel