Gli ultras

L’ultras è un tifoso di una squadra sportiva, come il calcio, pallavolo, pallanuoto e cosi via. Il termine è nato in Francia, durante la 2° restaurazione, tra il 1815 fino al 1830, infatti ultras significa ”ultra realista”, per indicare una forza. La prima forma gerarchica dei tifosi in Italia, si è formata nel 1932, quando si numeravano per la prima nascita di un’organizzazione dei tifosi. Nei anni 50’, i primi tifosi calcistici, si sono uniti nei diversi gruppi nella città di Roma e di Torino, questo evento viene esploso quando in Inghilterra, vengono attivati dei gruppi in cui vengono chiamati Hooligans. I primi gruppi che vengono creati in Italia, sono la Fossa dei Leoni, nato nel 1968 e Boys-Le furie neroazzure, nato nel 1969, in questo anno, viene utilizzato il termine Ultras. Nei anni 60’, vengono creati dei nuovi gruppi dei tifosi nelle squadre più grandi presenti nella penisola italiana. Inoltre, ogni gruppo, vengono creati degli striscioni, dove i tifosi, si mettono dietro alla scritta. Sempre in questo periodo, vengono creati anche delle coreografie per stare vicino alla propria squadra del cuore. Nei anni 80’, dall’Italia, si esporta la mentalità degli ultras nel resto del continente europeo. Nei anni 90’, iniziò a scoppiare delle violenze sia all’interno e all’esterno degli stadi da calcio. Per esempio, il 29 Gennaio 1995, a Genova, un tifoso del Milan uccise un tifoso del Genoa, poco prima della partita. Nei anni 2000, gli ultras, hanno creato degli siti web, per coinvolgere altri tifosi ad unirsi insieme a loro. Nonostante a ciò, io vi dico soltanto di tifare tranquillamente alla propria squadra, importante e di stare insieme e non usare la violenza. Perché la violenza non risolve mai nulla, anzi, questa azione serve soltanto a peggiorare la vostra situazione privata e pubblica.

Precedente Stalking Successivo I giornalisti